Siete sul sito
Il suo paese
FacebookTwitterYoutubepinterestRss

Dansaert e Sainte Catherine


© OPT/J.P Remy / © OPT/J.P Remy / © OPT/Alessandra Petrosino / /

La rue Antoine Dansaert è il vero tempio della moda. Ad ogni passo infatti si scoprono le boutique degli ultimi stilisti d’avanguardia, le gallerie di design, ma anche i negozi “vintage” che propongono gli ormai ricercatissimi anni '60, '70 e '80. A pochi passi da qui meritano senz’altro una visita le stradine che conducono verso la place Sainte Catherine in rue du Vieux Marché aux Grains.

 

Questo è un quartiere ricco di fascino e armonia in uno stile che va dal ‘600 all’800. Di grande suggestione è “Le Cheval marin”, gioiello del Rinascimento, in fondo al quai Aux Briques, che, un tempo era l’antica capitaneria di porto. In effetti, il canale di Bruxelles arrivava fino a qui. Oggi, la zona di place Sainte Catherine, antico mercato del pesce, ha una tale concentrazione di ottimi ristoranti dove la specialità è il pesce che la scelta diventa quasi imbarazzante. Fra le curiosità da non lasciarsi sfuggire c’è anche un singolare monumento ai piccioni viaggiatori.

 

Ritornando verso la Grand-Place discendendo la rue des Teinturiers, in rue Violette si trova il Museo dell'abito e del merletto (BRUXELLES), una delle istituzioni più tipiche di Bruxelles. Fin dal Medioevo, infatti, il pizzo ha occupato il primo posto nella storia economica di questa città e ancora oggi il pizzo di Bruxelles gode di un’altissima fama in tutto il mondo.