Waterloo: la Battaglia e i Musei


© OPT/Alex Kouprianoff / © M .Fasol / © OPT/ JP.Remy


A cinque chilometri a sud di Waterloo spicca la Collina del Leone di Waterloo (WATERLOO), il monumento che commemora la battaglia, di fronte al quale si trovano il Museo dei personaggi di cera (WATERLOO) e il Panorama della Battaglia di Waterloo (WATERLOO), un edificio circolare che conserva la tela eseguita nel 1912 da Louis Dumoulin. Con il suo effetto prospettico, si rivivono in modo molto suggestivo tutte le scene della battaglia. Poco distante dalla Collina del Leone di Waterloo (WATERLOO), sulla strada per Genappe, si trova l’antica fattoria del 1757 che fu l’Ultimo Quartier Generale di Napoleone (VIEUX-GENAPPE). E’ l’unico museo in Belgio dedicato a Napoleone e conserva ricordi personali dell’imperatore e oggetti riguardanti la battaglia.

In città, invece, è di rigore una visita al Museo Wellington (WATERLOO), posto in un antico edificio del XVII. Qui Wellington pose il suo Quartier Generale il 17 e il 18 giugno 1815 e nelle 14 sale dell’edificio è documentato il contesto politico dell’Europa prima e dopo la battaglia grazie a una rara collezione di armi e di incisioni. Si può seguire inoltre, ora per ora, l’intero svolgimento di quei fatti grazie a un piano luminoso e a una sala multimediale ed è anche a disposizione una audioguida plurilingue che commenta per 40 minuti l’intera battaglia.